"Lampada per i miei passi è
la tua parola, luce sul mio cammino."

News

LA “PAROLA” DEL GIOVEDI’ SERA

Con il luglio 2019 prende avvio una fase nuova del momento che la Casa Paolo VI propone a tutti; è l’ascolto “pregato” della Parola di Dio della celebrazione domenicale (ore 20:30 – 21:15). Assieme al ritiro che si tiene ogni sabato (ore 10), queste due possibilità dicono come la Parola sia al cuore della vita della Casa.

Con i ritmi dell’anno liturgico diversi amici, che già sono familiari con il cammino che viviamo insieme, guideranno l’incontro. Ciascuno di loro accompagnerà lo svolgersi di un tempo specifico (Avvento, Natale, ecc.).

Insieme a don Franco formano un gruppetto “aperto” anche ad altri che si sentissero di dare il proprio apporto.


UN PASSO NUOVO NELLA CASA

Con la canonizzazione di domenica 14 ottobre 2018 Paolo VI, con altri testimoni, è stato proclamato Santo; siamo tra i tanti che rendono grazie al Signore e riconoscono in Montini una persona che accompagna e sostiene il cammino della fede che desideriamo vivere. E’ troppo poco, ora, che la nostra Casa sia semplicemente dedicata a Paolo VI; vorremmo che divenisse una Casa che, nel suo operare ed esserci, si ispirasse a lui: e che tutti noi la abitassimo con questa consapevolezza, per attingerne luce e speranza.

In questa prospettiva, è di aiuto scorgere alcuni sentieri che hanno sempre caratterizzato il cammino di Montini; possono dire molto a tutti noi che in questa Casa abbiamo trovato e cerchiamo un riferimento di vita spirituale. Possono bastare questi aspetti:

  • La costante tensione ad avvicinarsi al mistero di Dio, a Gesù che ce lo rivela; il silenzio (quassù lo si “sente”) e la preghiera la nutrono;
  • L’entrare nella verità di sé stessi, della parabola che la vita di ciascuno sta disegnando; la riflessione, il dialogo, la condizione fraterna di vita che segnano questo luogo sono una possibilità feconda per realizzarla;
  • Quell’amore alla Chiesa, al mondo, alla storia, all’uomo – passione intensa di Montini – trovano in questo luogo una condizione favorevole a diventarne interpreti sinceri.

Non è troppo ambizioso un progetto così, né rimane auspicio soltanto. E’ già cominciato, accade nella vita di tanti di noi che in questo luogo allacciano rapporti e spazi di condivisione e cercano sinceramente la Parola di Vita. E questa Casa diventa ancora più “nostra”.