"Lampada per i miei passi è
la tua parola, luce sul mio cammino."

News


 QUANDO UN ANNO VA TERMINANDO…

Per vivere con intensità e in ascolto gli ultimi giorni dell’anno ci diamo la possibilità di una condizione opportuna di riflessione e preghiera nei giorni 29 dicembre-1 gennaio 2019.

 

SABATO 29      

10           Lodi e meditazione: “ Lo Spirito parla alla chiesa”

16           Papa Francesco. Un uomo di parola (docufilm di Wim Wenders)

 

DOMENICA 30      

9,45       Lodi e meditazione: “A porte chiuse: Gesù abita le nostre paure”

11,30     Celebrazione eucaristica domenicale

16           Testimonianza e comunicazione nella fede

 

LUNEDI 31       

10           Lodi e meditazione

17,30     Celebrazione eucaristica di ringraziamento nella chiesa del Carmelo

22           Veglia di preghiera (fino alle 23 circa)

 

MARTEDI 1     

10,30     Celebrazione eucaristica

 

E’ possibile fermarsi al pranzo delle quattro giornate (segnarsi ogni giorno sul foglio).

Chi intende fermarsi anche per cena-notte prenoti per tempo la camera.

 

 


UN PASSO NUOVO NELLA CASA

Con la canonizzazione di domenica 14 ottobre 2018 Paolo VI, con altri testimoni, è stato proclamato Santo; siamo tra i tanti che rendono grazie al Signore e riconoscono in Montini una persona che accompagna e sostiene il cammino della fede che desideriamo vivere. E’ troppo poco, ora, che la nostra Casa sia semplicemente dedicata a Paolo VI; vorremmo che divenisse una Casa che, nel suo operare ed esserci, si ispirasse a lui: e che tutti noi la abitassimo con questa consapevolezza, per attingerne luce e speranza.

In questa prospettiva, è di aiuto scorgere alcuni sentieri che hanno sempre caratterizzato il cammino di Montini; possono dire molto a tutti noi che in questa Casa abbiamo trovato e cerchiamo un riferimento di vita spirituale. Possono bastare questi aspetti:

  • La costante tensione ad avvicinarsi al mistero di Dio, a Gesù che ce lo rivela; il silenzio (quassù lo si “sente”) e la preghiera la nutrono;
  • L’entrare nella verità di sé stessi, della parabola che la vita di ciascuno sta disegnando; la riflessione, il dialogo, la condizione fraterna di vita che segnano questo luogo sono una possibilità feconda per realizzarla;
  • Quell’amore alla Chiesa, al mondo, alla storia, all’uomo – passione intensa di Montini – trovano in questo luogo una condizione favorevole a diventarne interpreti sinceri.

Non è troppo ambizioso un progetto così, né rimane auspicio soltanto. E’ già cominciato, accade nella vita di tanti di noi che in questo luogo allacciano rapporti e spazi di condivisione e cercano sinceramente la Parola di Vita. E questa Casa diventa ancora più “nostra”.